Un evento di grande richiamo: la Firenze Marathon

Un evento di grande richiamo: la Firenze Marathon

Firenze Marathon

Indiscutibilmente in Italia si svolgono numerose importanti maratone, tuttavia, la maratona di Firenze è tra le più aspettate proprio per la sua tipicità unica. Non per nulla, l’evento si dipana lungo le caratteristiche vie di Firenze, tra opere artistiche e tra paesaggi naturali, entrambi, di inestimabile valore.

La maratona di Firenze, quindi, diventa una manifestazione dalle eccezionali caratteristiche, ove, a tutti i partecipanti, sembrerà di poter correre attraverso la storia fantastica della meravigliosa città, tra medioevo e rinascimento. Questo è il quadro generale. Ma, accanto alle indiscutibili bellezze offerte dal percorso, è bene ricordarsi che sempre è una maratona.

Un evento, che, nel suo complesso, necessita una doverosa preparazione tanto mentale quanto fisica. Se, infatti, a prescindere che si voglia prendere parte alla celebre maratona di Firenze come semplice appassionato o meno, si desidera portare al termine e, quindi, arrivare al suo traguardo, è quanto meno necessario tanto un buon allenamento quanto l’essere in possesso della necessaria dotazione.

Un approccio corretto e di tipo ergonomico si basa sulla relazione esistente tra una corretta postura e il benessere derivante. In questo, sia dei corretti plantari e sia degli opportuni esami baropodometrici sono fondamentali.

Infatti, è proprio grazie alla baropodometria che si può correttamente studiare quale sia la pressione che esercita sul terreno il piede. Non si può, per l’appunto, dimenticare quale sia il ruolo primario del piede e quali sono le sue influenze sul nostro benessere.

Costantemente il piede è sottoposto ad una alternanza vera e propria tra elasticità e rigidità. Per rendere ancor più comprensibile, si potrebbe paragonare il lavoro del piede a quella di una elica a passo variabile. Ecco perché gli esami baropodometrici assumono una grande rilevanza per determinare un corretto plantare.

A tal proposito, è opportuno sottolineare come il corpo umano si caratterizzi per un sistema di equilibrio che è instabile. Questo lo si comprende ancor di più nella deambulazione dell’uomo che è, appunto bipodale.

In pratica, essa è condizionata fortemente da un lato dalla necessità di effettuare un sollevamento da quello che è il centro di gravità e, dall’altro da una base di appoggio esigua, a differenza di un quadrupedismo. Pertanto, la deambulazione risulta essere un evidente atto complesso che deriva, fondamentalmente, dalla interazione tra quelle che sono le forze esterne ed interne, dirette e coadiuvate da un complesso posturale che è, nella sostanza, un vero e proprio mirabile sistema volto al controllo.

Da tutto ciò, emerge in maniera chiara e diretta, quanto e come sia fondamentale un esame baropodometrico per definire al meglio la tipologia dei plantari.

Se poi, il tutto, deve andarsi ad interfacciare ad un evento della portata della maratona di Firenze, l’aspetto assume ancor più rilevanza, visto, anche, lo sforzo al quale sono sottoposti i piedi del maratoneta e la necessità conseguenziale di poter contare sulla migliore postura per una corretta deambulazione.

Anche se alle volte si tende a dimenticarlo, il piede umano è un capolavoro unico di bio meccanica e di architettura, e che, perciò, merita le doverose e necessarie attenzioni per salvaguardare tanto le sue importanti funzioni quanto il nostro complessivo benessere.

Condividi:

Prenota la tua visita a Firenze!

chiama il numero verde

800 108 433

manda un messaggio su Whatsapp

388 62 32 023

oppure scrivici un messaggio